20Righe

La politica ci appartiene. Facciamola nostra.

8. Dalla lettera di Eco ai Girotondi. Ma il popolo è senza rappresentanti.

“Cari amici,

mentre esprimo la mia solidarietà per la vostra manifestazione, vorrei che essa servisse a ricordare a tutti due punti che si è sovente tentati di dimenticare: (1) Democrazia non significa che la maggioranza ha ragione. Significa che la maggioranza ha diritto di governare. (2) Democrazia non significa pertanto che la minoranza ha torto. Significa che, mentre rispetta il governo della maggioranza, essa si esprime a voce alta ogni volta che pensa che la maggioranza abbia torto (o addirittura faccia cose contrarie alla legge, alla morale e ai principi stessi della democrazia), e deve farlo sempre e con la massima energia perché questo è il mandato che ha ricevuto dai cittadini. Quando la maggioranza sostiene di aver sempre ragione e la minoranza non osa reagire, allora è in pericolo la democrazia.”

Umberto Eco

E’ con queste parole che Umbero Eco esprime la propria solidarietà alla manifestazione che si terrà a Roma  l’8 Luglio prossimo e avrà come oggetto le leggi in tema di giustizia paventate dall’attuale governo.

Parole giuste, analisi corretta, definizione coerente. Poco da aggiungere e niente da obiettare.

Ma questa manifestazione rischia di essere un flop. E non perchè sia sbagliata a livello ideologico o nei principi. Solo che forse, non è questo il tempo dell’ideologia e dei principi. E’ che abbiamo bisogno di fatti.

O se non di fatti, di avere almeno l’impressione(1) che qualcosa si muove. L’impressione che l’interesse della politica sia quello di migliorare le nostre vite. E che la priorità di chi ci rappresenta, sia quella di rappresentarci.

Non è un problema di maggioranza, non di opposizione. Quando la prima fa convergere l’attenzione su problemi non pressanti per il paese, e la seconda si mobilita nella stessa direzione, entrambe falliscono. 

E’ un problema di vicinanza, di contatto con la realtà, di ritorno alla base elettorale, ai problemi veri.

E non si parli più dei problemi del paese. Possiamo parlare, per una volta, dei problemi delle persone?!

Qualcuno dovrà pure dirvelo: tocca a voi risolverli. Ve lo siete scelto di lavoro, e vi paghiamo per questo.  

 

BlogginSers! 

 

(1) Basterebbe anche solo averne la sensazione. Farebbe morale.

Annunci

7 luglio 2008 Posted by | Comunicazione politica, Discorsi da bar, Governo, Maggioranza, Manifestazioni, Opposizione, Personaggi, Problemi veri | , , , , , , , , , , , , , , | 9 commenti